Cosa Scrivo2020-07-26T15:50:50+01:00

«Sono fatti veri, che hanno urgente bisogno di diventare finti per diffondere al meglio la loro verità.»

Domenico Starnone, Fare Scene.

«Un libro è fatto di segni che parlano di altri segni, i quali a loro volta parlano delle cose. Senza un occhio che lo legga, un libro reca segni che non producono concetti, e quindi è muto.»

Umberto Eco, Il nome della rosa.

«Siamo animali solitari. Passiamo la vita cercando di essere meno soli. Uno dei metodi più antichi è quello di raccontare una storia pregando l’ascoltatore affinché dica – e senta interiormente – Sì, è proprio così, o almeno è così che mi sento. Non sei così solo come pensavi.»

John Steinbeck, Uomini e topi.

Sono alcune delle frasi che più mi colpiscono pensando alla scrittura.

Credo che l’esperienza di ognuno sia il concime da cui nasce la narrazione ( De Andrè dixit: « … dal letame nascono i fior » ) ma narrare di concime, almeno del mio, mi sembra poco interessante. Mi piace scrivere di emozioni che conosco, le descrivo per condividerle, per sapere se qualcuno riconosce o sente quello che io sento.

Ho scritto diversi racconti, qualcuno già pubblicato, c’è il primo romanzo Tutto come prima, scrivo articoli su AgoraVox e su LinkedIn, quasi quotidianamente scrivo per lavoro, dove uso la narrazione in contesti formativi e di coaching.

I Racconti

Lilla

… Oggi non sorride, ecco cosa non va; scuote la testa, Lilla -              non te ne annà Marì – dice [...]

Vero affare

Avrebbe dovuto capirlo, troppo grande e fredda quella casa. Avrebbe dovuto pensarlo, magari era presto per una casa assieme. Avrebbe [...]

Gli Articoli

Go to Top